V DOM QUARESIMA ANNO C

E Gesù le disse: «Neppure io ti condanno;

va’ e non peccare più» Gv 8,11

“Cari fratelli e sorelle, quella donna rappresenta tutti noi, che siamo peccatori, cioè adulteri davanti a Dio, traditori della sua fedeltà – ha concluso il Santo Padre – Dio non ci inchioda al nostro peccato, non ci identifica con il male che abbiamo commesso. Abbiamo un nome, e Dio non identifica questo nome con il peccato che abbiamo commesso. Ci vuole liberare, e vuole che anche noi lo vogliamo insieme con Lui. Vuole che la nostra libertà si converta dal male al bene, e questo è possibile – è possibile! – con la sua grazia“ Papa Francesco, 2016.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando su questo sito Web, accetti il nostro utilizzo dei cookie.